The Yamuna River Project


Il fiume Yamuna
Fonte: YamunaRiverProject.org

New Delhi, con una popolazione di quasi venti milioni di abitanti, è costretta ad affrontare una sfida senza precedenti: il sacro fiume Yamuna, che prende il nome dalla dea omonima, è uno dei più inquinati del mondo. Dalla diga Wazirabad, dove fa il suo ingresso nella capitale, fino alla diga Okhla dove poi sfocia nel sud, l’acqua del fiume Yamuna è stata, nel corso degli anni, sostituita da liquami trattati e non trattati e altri materiali di scarico tossici.

Le ragioni

Le condizioni disastrose in cui versano le acque del fiume, sono indicatrici di uno sviluppo urbano costante e sempre in crescita da 150 anni a questa parte, che negli ultimi anni è diventato la principale causa di questa  gravissima crisi ecologica che minaccia fortemente la salute dell’intera popolazione.

Uno dei progetti ideati per risolvere il problema dell’eccessiva crescita demografica. Abitazioni realizzate a cavallo del fiume.
Fonte: YamunaRiverProject.org

La rapida crescita demografica ha inoltre reso impossibile alla città di provvedere al miglioramento delle infrastrutture, ormai incapaci di affiancare la grandezza della città. Come risultato, si hanno ora delle infrastrutture implementate con effetto retroattivo piuttosto che pensate ed ideate per sostenere la continua crescita della capitale come un moderno centro metropolitano.

“Dal 1951 al 2016 la popolazione è cresciuta da 3 milioni a 18,6 milioni di abitanti. La capitale indiana non è stata in grado di investire nelle infrastrutture necessarie per assicurare un’adeguata proliferazione della popolazione”.

L’idea

L’università della Virginia è il partner fondatore del progetto per il fiume Yamuna. È stato inizialmente proposto dal dipartimento di architettura e successivamente supportato anche da altri dipartimenti e progetti di ricerca dell’università, come ad esempio progetti riguardanti l’economia idrica, le scienze ambientali e la storia dell’arte. Il progetto continua ad espandersi sia all’interno che fuori dell’università, incorporando man mano sempre più discipline nella sua ricerca e aumentando anche le collaborazioni con il governo e gli enti pubblici dell’india.

Per rispondere ad uno dei tanti problemi legati alla gestione e all’amministrazione del territorio indiano, l’università della Virginia ha pensato di avviare un progetto per salvaguardare la salute del sacro fiume Yamuna, ma soprattutto quella degli indiani.

Parco di Shahadra 
Fonte: YamunaRiverProject.org

Lo Yamuna River Project è un programma di ricerca interdisciplinare, avviato nel 2015, che si è posto l’obiettivo di rivitalizzare l’ecologia del fiume Yamuna nei pressi di New Delhi, in modo tale da riconnettere la capitale indiana con una fonte d’acqua pulita.

Lo scopo primario di tale progetto è quello di incentivare la ripresa del fiume Yamuna, e anche di tutti i suoi affluenti, più urgente che mai, rendendo pubblicamente accessibile un corpo di informazioni e progetti per il futuro.

Per avere una più vasta e dettagliata panoramica sul progetto urban è possibile visitare il sito ufficiale, oppure visionare il video di presentazione al progetto.

+ posts