Giornata Internazionale delle Bambine: verso un futuro “più rosa”

Fonte: Flickr // Kshitiz Anand

“Girl Childs day” (Festa delle bambine), celebrato il 24 gennaio in India, è un’iniziativa del Ministero dello Sviluppo delle Donne e dei Bambini proposto per la prima volta nel 2008. Lo scopo di questo giorno è quello di sensibilizzare sulla tematica della disparità di genere e di far comprendere che le donne possono ricoprire un ruolo principale in una società che ormai sembra essere fatta a “misura d’uomo”.

A livello internazionale, il Girls Child Day, viene celebrato l’11 ottobre. Questa data fu determinata nel 2011 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ispirata da Plan International, un’organizzazione non-governativa che si occupa dei diritti dei bambini, specialmente di sesso femminile, in tutto il mondo. Ogni anno, in occasione di questa giornata, vi è uno slogan differente, nel 2020 è stato “My voice, Our Equal Future” (La mia voce,il nostro futuro equo).

Fonte: Sudhir Kumar

Uno dei problemi più gravi che affligge il subcontinente indiano sembra essere il feticidio femminile, motivo per il quale, nel 1994 il governo indiano ha dichiarato illegale la determinazione del sesso fetale in gravidanza. Il 2020 sembra essere un anno funesto per i diritti delle bambine a causa del Covid-19. Successivamente al lockdown si è registrato un aumento della prostituzione minorile e dei matrimoni infantili, delle così dette “spose bambine”, che è un problema già radicato nei paesi con un forte sistema patriarcale. Tutto ciò è dovuto alla grave crisi economica post-lockdown che ha costretto molte famiglie, impoverite dalla mancanza di lavoro, a vendere o far sposare le proprie figlie.  

Il Girls Child Day in India cerca di dare l’opportunità alle ragazze o bambine indiane di riscattarsi dalle molteplici ingiustizie che devono affrontare ogni giorno: dagli abusi sessuali alla mancanza di un’istruzione, dalla scarsa cura medica alla costrizione di unirsi in matrimonio in età infantile.

Durante questa giornata vengono organizzate in tutto il paese manifestazioni, pubblicità televisive, seminari, discorsi da parte dei leaders politici che promuovono il miglioramento della condizione delle bambine in società assicurandogli un futuro più sicuro e sano.

In india fra i vari progetti per le giovani donne vi è “Beti Bachao, Beti Padhao(“Salva tua figlia, istruisci tua figlia”) una campagna lanciata nel 2015 dal Primo Ministro Narendra Modi. Questo progetto mira a ridurre l’analfabetismo femminile. Vari studi effettuati fra il 2001 e il 2011 dimostrano quanto l’istruzione femminile era fortemente in calo rispetto a quella maschile. Fortunatamente, negli ultimi anni, la situazione sembra essere cambiata e le bambine cominciano a riempire i banchi di scuola.

Fonte: Flickr // Navaneeth Kishor

Mahindrafoundation e Girleffect sono tra le più importanti fondazioni che si occupano dei diritti delle bambine in India. Il video “Educate a Girl, Change the World” (“Istruisci una donna, cambia il mondo”) ci porta a riflettere sull’importanza dell’istruzione alle bambine per donargli un futuro più prospero.

Fra i tanti obbiettivi ancora da raggiungere:

  • Offrire maggiori opportunità alle fanciulle all’interno della società
  • Rimuovere la disuguaglianza di genere
  • Lavorare affinché a tutte le bambine venga data un’istruzione adeguata
  • Assicurarsi che vengano rispettati i diritti umani delle bambine
  • Abolire i matrimoni infantili e la prostituzione minorile
+ posts

Mi chiamo Martina Di Maio e sono una studentessa partenopea sempre con uno zaino in spalla per inseguire il mio Wanderlust (desiderio di viaggiare). Sono interessata al canto, alla musica e agli studi comparatistici che uniscono il mio interesse per il mondo ispanico e la mia passione per l’indologia. Sono iscritta all’Orientale al corso di studi “Lingue e Culture Comparate” dall’anno 2017/2018 e nel settembre del 2020 sono partita per un’esperienza Erasmus in Spagna presso la UCLM (Universidad de Castilla-La Mancha) che ha cambiato il mio essere e il mio modo di relazionarmi con le persone. Spero di potermi incanalare presto nel flusso del mondo e vivere in costante movimento vivendo esperienze che potranno un giorno placare la mia fame di scoperta.