PM Modi lands in Washington DC

Il matrimonio combinato dell’India con gli Stati Uniti e la fine della sua storia d’amore con la Russia

La visita del primo ministro indiano Narendra Modi ha rappresentato un momento di svolta nel fluido contesto geopolitico globale odierno e non per le ragioni comunemente espresse. Teoricamente la più antica democrazia elettorale del mondo e la democrazia più grande del mondo avrebbero dovuto essere alleate reciproche per decenni, ma in realtà non è mai stato così. L’alleanza tra Stati Uniti e India è stata definita un’esagerazione e la maggior parte degli analisti si affretta a sottolineare che Nuova Delhi non si schiererà mai con un’alleanza guidata dagli Stati Uniti contro la Cina, nonostante qualsiasi accordo di difesa che Stati Uniti e India possano firmare. Potrebbe benissimo essere la verità, ma il viaggio di Modi a Washington DC in questo momento storico cambia l’equilibrio di potere globale.

Sia per progetto che per circostanza, l’India, sin dalla sua indipendenza, ha dovuto fare affidamento su se stessa. Nonostante gli alti tentativi di Nehru di creare un movimento non allineato, sua figlia Indira Gandhi ha forgiato la dipendenza dell’India dall’Unione Sovietica nel 1971 (il patto di amicizia tra India e Unione Sovietica) di fronte al sostegno di Nixon e Kissinger a un regime pachistano genocida nella guerra di indipendenza del Bangladesh. Nonostante la sua dipendenza dall’Unione Sovietica e successivamente dalla Russia, l’India ha mantenuto la sua indipendenza e si è concentrata sul suo vicinato piuttosto che avere grandi ambizioni di essere una potenza globale come la Cina. Questa autosufficienza, nata dalle filosofie gandhiane “swadeshi” e “sarvodaya”, è tornata al punto di partenza con la “atma-nirbhar” (autosufficiente) Bharat di Modi.

Primo Ministro Indiano Modi arriva a Washington DC

L’autosufficienza dell’India nei primi decenni di indipendenza è stata piuttosto forzata. Aveva bisogno di forgiare la propria identità di paese, di nazione, doveva farlo senza alcun supporto esterno. Non poteva fidarsi dell’Europa, poiché l’Europa l’aveva colonizzata per oltre 200 anni in quelli che il ministro degli Esteri Jaishankar descrive come i suoi “due secoli di umiliazione”. Non poteva fare affidamento sugli Stati Uniti poiché Nehru aveva deciso di rimanere neutrale e aveva perso ogni possibilità di un’alleanza USA-India nei primi anni di indipendenza. Frustrati dalla mancanza di impegno e del  riconoscimento della conquista comunista della Cina da parte di Nehru, gli Stati Uniti hanno inserito il Pakistan, un alleato meno preferito, nell’Organizzazione del trattato centrale (CENTO), e le linee sono state tracciate.

Oggi, la partnership USA-India ha resistito a tutte le tempeste, dalle sanzioni dovute ai test nucleari dell’India all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, con entrambi i partner che hanno espresso le loro posizioni in modo chiaro e rispettando reciprocamente le differenze. Gli Stati Uniti hanno imparato ad essere pazienti con l’India, una concessione che non hanno fatto alla maggior parte dei suoi alleati. L’India stessa è cresciuta non solo in termini di popolazione come il paese più popoloso del mondo, ma anche come la sua quinta economia mondiale, sorpassando il vecchio padrone coloniale, il regno unito.

Nel frattempo, poiché questa relazione è cresciuta organicamente, l’errore di Nehru di riconoscere la conquista comunista della Cina e di non opporsi alla sua occupazione del Tibet, così come il sostegno di Nixon e Kissinger al Pakistan e la pacificazione di Kissinger di una Cina comunista sono tornati a perseguitare entrambi i paesi. La Cina di Xi sta ora reclutando aggressivamente alleati degli Stati Uniti in Medio Oriente e sta cercando di sostituire gli Stati Uniti come prima potenza mondiale in ogni ambito.

L’attuale visita di Modi a Washington DC riguarda meno gli accordi sulla difesa, il suo discorso a una sessione congiunta del Congresso o la sua accettazione alla Casa Bianca di Biden, riguarda più l’elettorato indiano che accetta gli Stati Uniti come partner principale rispetto alla Russia. Gli indiani in generale sono profondamente sospettosi dei poteri imperiali, e giustamente. La celebrazione a Washington DC è in realtà l’accettazione di questo “matrimonio combinato” da parte degli elettori indiani, che vedono una Russia indebolita e ora fortemente dipendente dalla Cina. L’India è anche un Paese giovane con oltre 80 milioni di nuovi elettori che si aggiungono alle liste elettorali ogni 5 anni. Gli elettori più giovani sono innamorati degli Stati Uniti e il ruolo dell’India come superpotenza tecnologica ha portato il giovane elettore medio ad apprezzare una forte alleanza statunitense.

Anche se l’India potrebbe non aderire alla NATO domani o non ci si aspetta che partecipi a una guerra guidata dagli Stati Uniti con la Cina, questa visita è l’inizio di una forte partnership tra pari, nonostante la distanza che l’India deve ancora percorrere per diventare una potenza globale. Sebbene questa sia ampiamente celebrata come una vittoria in India e dall’elettorato indiano, l’India viene ingiustamente evidenziata come una “democrazia imperfetta” per confondere la vittoria ottenuta da Modi.

L’evoluzione dell’India come democrazia che ha rotto i limiti delle regole coloniali di ispirazione britannica era prevista. Nonostante sia laica, l’India è ed è stata un paese a maggioranza indù. L’espressione indù era stata ridotta per secoli sotto la dominazione prima islamica poi anglicana inglese e in una democrazia, prima o poi, l’identità indu era destinata a emergere. Modi e il suo BJP hanno solo incanalato questa espressione, c’erano modi migliori per farlo? Forse si forse no.

Aspettandosi che l’India sia una democrazia perfetta, mentre la maggioranza degli indù si afferma, pur mantenendo una democrazia elettorale funzionale, in 75 anni di indipendenza si aspetta sinceramente l’impossibile in un paese di 1,4 miliardi di persone. Anche gli Stati Uniti, la democrazia più antica del mondo, nei suoi quasi 250 anni di indipendenza con una popolazione molto più piccola e un patrimonio storico e culturale, non è riuscita a realizzare una democrazia perfetta ancora.

Infine, sia l’India che la Cina capiscono che una guerra tra di loro è reciproca distruzione assicurata. I paesi hanno convissuto per secoli rispettando i reciproci confini mentre la tensione abbondava. Mentre l’India sarà sempre in guardia nei confronti del suo vicino più grande, è improbabile che Xi Jinping voglia entrare in conflitto con un’alleanza USA-India.Per Biden e gli Stati Uniti l’India è quel l’assicurazione, quella deterrenza con la Cina, che non avevano con la Russia. Nella storia recente, l’India è l’unico paese ad aver combattuto una guerra con la Cina, anche se in un’epoca diversa.

La visita di Modi negli Stati Uniti porta a casa un altro passo verso la metamorfosi dell’India da elefante a tigre. È l’inizio del suo doloroso e necessario distacco dalla Russia a causa della guerra ossessionata del presidente russo Putin in Ucraina e della sua imminente capitolazione a un mondo sino-centrico. Il passaggio dall’andatura lenta ma maestosa di un elefante all’affamata preda di una tigre sarà graduale, ma contro ogni previsione l’India riprenderà il suo posto come potenza globale del mondo nonostante le critiche, unita e come un paese laico. Quando il primo ministro indiano Narendra Modi tornerà a casa, avrà cementato il futuro della politica estera indiana per i decenni a venire.

Vas Shenoy
 | Website

Vas Shenoy è un studioso di rapporti Europa-India. Durante gli ultimi 22 anni della sua carriera ha lavorato per la gestione di aziende e progetti nei campi della tecnologia informatica, dell’energia rinnovabile e della cooperazione e sviluppo in più di oltre trenta paesi in Europa, Medio Oriente, Africa e Asia collaborando con governi, la Banca Mondiale e enti ONU. Vas è il Presidente dell'Associazione Sākshi e della Glocal Cities ONLUS.