Raksha Bandhan : La festa dei fratelli

La festa del Raksha Bandhan

Il legame tra fratello e sorella è da sempre considerato prezioso. In tutto il mondo, il  rapporto tra fratelli nel bene o nel male è considerato straordinario e particolare. Ma quando si tratta dell’India, questo rapporto non solo viene considerato speciale ma vi è anche una festa apposita che lo celebra. 

Questa festa prende il nome di  Raksha Bandhan ed è celebrata non solo tra gli induisti ma anche tra giainisti,  sikh e altre minoranze. Nonostante possa perdere il significato religioso continua ad avere un valore sociale molto rilevante.

Il Raksha Bandhan viene celebrato nella giornata di luna piena del calendario lunisolare indù nel mese di Shrāvan che cade solitamente nel mese di agosto, quest’anno infatti si festeggia l’11 di agosto. 

L’espressione  Raksha Bandhan è formata da due parole, “Raksha” e “Bandhan“. Secondo la terminologia sanscrita “Raksha” significa protezione e “Bandhan” significa legame e unendosi danno origine all’espressione “nodo di protezione” .

Questa festa coinvolge solitamente fratelli e sorelle ma è anche festeggiata tra cugini, sorelle, cognate (Bhabhi), zia fraterna (Bua), nipote (Bhatija), altri parenti o con chiunque si abbia un forte legame fraterno.

Origini della festa 

Questa festa viene celebrata da molti secoli  e in diverse parti dell’India facendo riferimento a molti  miti e leggende che ne spiegano le sue origini.

La prima leggenda

La prima leggenda parla di Indra del Re degli Dei, signore dei cieli, piogge e fulmini,  e di sua moglie Sāchi.

Secondo questa leggenda, riportata nella Bhavishya purana ci fù  una feroce battaglia tra dei e demoni; Indrā  si scontrò con  il demone Bāli. La guerra continuò a lungo e non ebbe una fine decisiva. Sāchi, moglie di Indra, si recò da Vishnu (l’onnipresente dio) con lo scopo di chiedergli protezione e ottenne da lui un braccialetto sacro di fili di cotone da legare al polso del marito affinché sconfiggesse i demoni. 

Pertanto quei fili sacri non si limitavano a sancire i legami fraterni. Un precedente racconto della festa descrive questi fili sacri come amuleti, usati dalle donne per proteggere il marito.

La seconda leggenda

Il re Bāli e la dea Lakshmi (la dea della prosperità) – Secondo un racconto della Bhagavata Purana e del Vishnu Purana2 dopo che Vishnu vinse i tre mondi, gli venne chiesto dal demone Bali di rimanere a suo fianco nel palazzo, ed egli accettò. 

Tuttavia,  Lakshmi, moglie di Vishnu, voleva tornare a casa a Vaikuntha. Perciò legò il rakhi attorno al polso del re Bāli facendolo diventare così suo fratello. Lakshmi chiese a Bali di liberare suo marito e di lasciarlo tornare a Vaikuntha. Egli non potè non concederglielo.

La terza leggenda

Krishna e Draupadi-  Anche in un racconto nel Mahabharata, Draupadi, la moglie di Pandava, legò un rakhi al Signore Krishna mentre Kunti legò il rakhi al nipote Abhimanyu prima della guerra epica.

In che modo si svolge lil Raksha Bandhan 

La giornata di Raksha Bandhan inizia con le sorelle che si preparano al mattino presto indossando vestiti eleganti per la festa e offrono le loro preghiere a Dio. 

Un chiosco che vende i fili colorati per il Raksha Bandhan 2022

La cerimonia Rakhi (il filo) viene solitamente eseguita durante il Muhurat 3di Aparhna Pardosh nel giorno di Rakhi Purnima4 o Raksha Bandhan.

Dopo la Puja, le sorelle eseguono l’aarti5 con i loro fratelli onorandoli, si applicano il kumkum (vermiglino) e il riso sulla fronte; legano il Rakhi attorno ai polsi dei fratelli mentre cantano inni e pregano per il loro benessere: lunga vita, felicità e prosperità. 

Le sorelle preparano per i propri fratelli molti dolci speciali e profumati per aggiungere dolcezza alle celebrazioni. 

In cambio, i fratelli coccolano le proprie sorelle con un regalo quale denaro, gadget, accessori femminili, vestiti e tanto altro insieme alla promessa di protezione per tutta la vita in ogni circostanza.

Dopo questa cerimonia, l’intera famiglia si delizia nelle celebrazioni del Rakhi mangiando cibo delizioso e dolci.

Dolci di Raksha Bandhan

Per le donne sposate questa festa è un’occasione per ritornare dalla famiglia materna e trascorrere il giorno con i loro cari. Il legame stabilito durante questa festa  è da  considerarsi un impegno per tutta la vita. 

Qualsiasi relazione sentimentale tra persone unite da questo legame (in particolare tra non consanguinei) è considerata illegittima. Quindi un fratello o sorella rakhi ha lo stesso significato sociale di un fratello o sorella biologica. 

Il festival è celebrato in particolare nell’India nord occidentale insieme a paesi come Nepal, Pakistan e Mauritius.

Note:

1 bhavishyā purānā: Il ‘Bhavishya Purana’ (Bhaviṣya Purāṇa) è una delle diciotto opere principali del genere Purana dell’induismo, scritta in sanscrito. Il titolo Bhavishya significa “futuro” e quindi contiene le profezie riguardanti il futuro.

2 vishnu purānā è uno dei diciotto Mahapurana, un genere di testi antichi e medievali dell’induismo. È un importante testo Pancharatra nel corpus della letteratura vaisnavista.

4 Purnima o poornima è la luna piena. 

3 Muhurat: nei Brāhmana, muhūrta denota una divisione del tempo: 1/30 di giorno, o un periodo di 48 minuti. Quindi il giorno è diviso in segmenti di 48 minuti con nomi specifici e significati specifici alcuni dei quali sono di buon auspicio è alcuni no secondo la astrologia.

5 Aarti: si indica quel rituale durante il quale la luce emessa da una o cinque fiamme di canfora viene offerta alla divinità, in questo caso al fratello.

+ posts

Mi chiamo Chiara Scaldaferri e sono una studentessa di hindi e portoghese, laureanda in Lingue e Culture Comparate presso l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”. Essendo profondamente interessata alla cultura indiana, nel mio curriculum universitario sono presenti esami riguardanti la storia, le religioni e le filosofie dell’India. Mi piace molto il cinema indiano sia storico che contemporaneo, i miei registi preferiti sono Deepa Mehta e Sanjay Leela Bhansali. Insomma, amo tutto ciò che riguarda l’India.
फिर मिलेंगे ।