KITE FESTIVAL

Il festival degli aquiloni

Il termine aquilone in hindi prende il nome di पतंग (patang) e la sua origine resta tuttora molto controversa. Alcune fonti storiche attribuiscono l’origine dell’aquilone alla Malesia e alla Polinesia, ma è opinione diffusa che abbia avuto origine in Cina. Gli aquiloni cinesi avevano una forma rettangolare e piatta e venivano usati principalmente per misurare le distanze o per comunicare le operazioni militari. Dopo essere stati introdotti in India presero il nome di patang che significa aquilone da combattimento.

I primi resoconti scritti sugli aquiloni, nella letteratura indiana, risalgono intorno al XIII secolo sotto forma di poesie devozionali o gathas del poeta indiano Namadeva. Li troviamo anche menzionati nel Ramcharitmanas di Tulsidas, in cui ci viene fornito un aneddoto molto interessante di come Rama faceva volare gli aquiloni con i suoi fratelli. Tale menzione la troviamo nel Bāla-kāṇḍa:

राम इक दिन चंग उड़ाई।

इंद्रलोक में पहुँची जाई॥

Sotto le corti Moghul, il volo degli aquiloni fu trasformato in uno sport, principalmente tra la nobiltà. Durante i voli re, reali e nawab ostentavano la loro grandezza sull’aquilone come segno di supremazia. Gli aquiloni erano usati più per trasmettere messaggi che per il piacere di farli volare all’aperto e questo aspetto del volo degli aquiloni è stato catturato nelle miniature Rajput e Moghul del XVI secolo e XVIII secolo.

Kite Festival nella corte mughal
Kite Festival nella corte mughal

Dal 1989, la città di Ahmedabad ospita l’international Kite Festival durante l’Uttarayan, accogliendo artisti da tutto il mondo per mostrare le loro creazioni uniche e stupire la folla con aquiloni davvero originali.

Oggi  il volo degli aquiloni è un festival piuttosto popolare che si svolge durante il Makar Sankranti, noto anche come Uttarayan, Maghi o semplicemente Sankranti.

La festa dell’aquilone è un’antica tradizione della zona del Gujarat: gli abitanti del Gujarat in questo giorno fanno volare gli aquiloni come il dolce risveglio agli dei, preparano dolci con til (semi di sesamo) e gur (zucchero non raffinato).

Secondo l’astronomia indù, il Makar Sankranti è il giorno in cui il Sole inizia il suo allontanamento dai tropici, segnando la graduale fine della stagione invernale e l’arrivo dell’estate.

L’Uttarayan o Makar Sankranti si celebra ogni anno il 14 e il 15 di Gennaio, vengono interrotte tutte le attività e tutti si spostano sui tetti o sulle strade per far volare gli aquiloni e competere con i propri vicini. Volano aquiloni di tutte le forme e dimensioni e si sentono, dai tetti, persone gridare “Kai po che” (“ho tagliato l’aquilone” in Gujarati). Questa frase è usata come grido di vittoria, significa che l’avversario ha tagliato la corda dell’altro aquilone ed è il vincitore.

L’International Kite Festival si tiene ad Ahmedabad, nello stadio di Sardar Patel, dove si riuniscono aquilonisti locali o internazionali. I piccoli aquiloni locali competono con quelli del Giappone, degli Stati Uniti, del Regno Unito e altri paesi. Ad Ahmedabad, chiamata la capitale degli aquiloni del Gujarat, in questa occasione il Patang Bazar o Kite Bazar rimane aperto 24 ore al giorno per un’intera settimana e la gente si riversa nelle strade tutta la notte. Nei Bazar, abili artigiani testimoniano secoli di esperienza nella fabbricazione di aquiloni e preparazione del filo tagliente.

Rasulbhai Rahimbhai è diventato famoso perché riesce a far planare fino a 500 aquiloni su una sola corda diventando così una storica attrazione.

QUANDO:
Da 8 a 14 gennaio 2023
DOVE:
Sardar Vallabhai patel stadium, Ahmedabad

Mi chiamo Chiara Scaldaferri e sono una studentessa di hindi e portoghese, laureanda in Lingue e Culture Comparate presso l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”. Essendo profondamente interessata alla cultura indiana, nel mio curriculum universitario sono presenti esami riguardanti la storia, le religioni e le filosofie dell’India. Mi piace molto il cinema indiano sia storico che contemporaneo, i miei registi preferiti sono Deepa Mehta e Sanjay Leela Bhansali. Insomma, amo tutto ciò che riguarda l’India.
फिर मिलेंगे ।